Se hai mandato il tuo CV in una qualche azienda e ti hanno invitato per un colloquio, questo articolo fa al caso tuo.

Ovviamente l’argomento è molto delicato e complicato.

Qui di seguito elencherò alcune massime che POTREBBERO aumentare le tue probabilità di successo…

Se invece vuoi scoprire un metodo che ti permetterà non solo di fare colpo e quindi di ottenere il posto per il quale ti sei candidato, ma anche di farti dare 8000 euro al mese e poterti finalmente comprare il BMW M3 allora dovrai farmi un bonifico di 5000Euro.

Appena ricevuto il bonifico ti manderò il mio videocorso che ti enuncerà un metodo infallibile per ottenere i tuoi obbiettivi.

Ovviamente tale metodo è sicuro al 100% ed è stato studiato nelle più note università americane e dai più geniali ricercarori (anch’essi americani ovviamente).

Ps: il mio IBAN lo trovi in fondo alla pagina! Ma fa presto, l’offerta è valida solo per oggi!

Cazzate a parte, cercherò di elencare alcuni consigli forse banali ma che vanno tenuti in mente per cercare di ottenere un lavoro in terra teutonica.

Ovviamente tali consigli valgono anche per un lavoro in Italia o in qualsiasi altro cazzo di paese.

Per chi non sa comprendere il sarcasmo questo articolo mi spiace ma non fa per voi.

1 – Abbigliamento: Cercate di andare vestiti come dio comanda.

Non voglio generalizzare, nel senso che se uno va a fare il colloquio per fare il lavapiatti di sicuro la giacca e cravatta non serve. Tuttavia, nel caso si tratti di un lavoro in azienda, cercate di essere eleganti: ai crucchi piacciono molto le persone serie e formali. E’ risaputo che l’abito  non fa il monaco, ma metteteci un pò di impegno.

Se proprio non sapete come fare, chiedete consiglio a loro.

 

2 – Cercate di non sorridere troppo e di non essere troppo spavaldi: Tristezza e rassegnazione.

Tenete in mente che il tedesco medio ci considera: bellavita, mafia, berlusconi, bunga-bunga ecc ecc

Cercate di non fare i pagliacci, dimostratevi persone serie e affidabili.

Non fate battute del cazzo! Quelle potrete farle quando avrete l’M3 sotto il culo. Prima no!

 

3 – Preparatevi bene sul vostro CV e su eventuali domande annesse e connesse.

Cercate di preparavi un discorso ben fatto su ciò che avete fatto e su ciò che sapete fare!

Se nel CV ci sono “buchi” dove non avete lavorato preparatevi perchè sicuramente vi chiederanno il perchè non avete prodotto.

Se l’azienda è medio-grande ci sarà sicuramente qualche bella signorina teutonica che vi chiederà quali sono le vostre ambizioni e come vi vedete tra cinque anni e forse tra 10.

Anche qui, non fate battute del cazzo (non avete ancora l’M3 ), tutti si vedono da qui a 5 anni come Dan Bilzerian

mentre da qui a 10 anni…. bhe tutti si vedono ancora come Dan Bilzerian

ma tu sei triste e rassegnato quindi ti inventerai qualcosa di inutile ma serio da dire.

 

4 – Siate sicuri di voi stessi, ma con un briciolo di umiltà.

Se vi hanno invitato ad un colloquio è già un ottimo segnale, quindi andate a testa alta.

Chiedetevi perchè dovrebbero prendere voi al posto di un loro connazionale!

Cercate di rispondere con calma alle varie domande, ma se non sapete una cosa non fate mille giri di parole, non piace a nessuno, dite semplicemente non so! (a quel punto non avrete mai l’M3 -> Scherzo ovviamente).

6 – Dimostratevi flessibili!

7 – Fissate nella vostra mente quanto bello sarebbe per voi lavorare in quell’azienda.

Il desiderio di lavorare in quell’azienda vi farà apparire fortemente motivati!

Cercate di fare domande, siate curiosi, chiedete di farvi vedere l’azienda, chiedete come hanno superato la crisi del 2008, chiedete quali sono i piani di sviluppo futuri ecc ecc ecc

Prima di andare al colloquio leggetevi un paio di libri motivazionali e sulla crescita personale, vi daranno quella spinta in più per affrontare nel migliore dei modi l’interrogatorio.

Qui di seguito i titoli che ritengo più significativi:

 

 

In bocca al lupo!

E come ho scritto nell’ articolo come trovare lavoro in Germania, ricorda che:

Non sei nato solo per lavorare, pagare bollette e morire.

Devi anche soffrire.

E molto!

 

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.